IL DONO DELLA MUSICA (ideaginger.it)

La musicoterapia fa la differenza per il benessere dei nostri ospiti, in particolare riesce ad “arrivare” anche alle persone che, per via di gravi patologie o traumi, non riescono più a comunicare con il mondo esterno attraverso la parola. Le attività di animazione e quelle educative progettate e portate avanti negli anni, spesso faticavano a coinvolgerle.

 

Vogliamo rendere la MUSICOTERAPIA un INTERVENTO STRUTTURALE perché, dopo un progetto pilota, abbiamo visto l’effetto che ha sugli ospiti e sui loro cari: riesce a “raggiungerli”, crea un canale di relazione, contatto e connessione che altrimenti non sarebbe possibile.

 

SII PARTE DEL NOSTRO DONO PER GLI OSPITI DEL CENTRO: contribuisci anche TU al loro benessere sostenendo la raccolta fondi per finanziare SEI MESI DI MUSICOTERAPIA!

 

AIUTACI A REGALARE LA MUSICOTERAPIA AGLI OSPITI DEL CENTRO SAN PIETRO!

 

Dona su: IL DONO DELLA MUSICA (ideaginger.it)

 

PERCHÈ LA MUSICOTERAPIA?

Il Nostro centro ospita diverse persone in stato di minima coscienza a seguito di traumi o malattie degenerative, ed anche persone che – per via di patologie ingravescenti – faticano a comunicare attraverso la voce e la parola, che quasi tutti noi utilizziamo con naturalezza, senza fare caso a quanto sia un dono non scontato e preziosissimo.

Le attività di animazione e le attività educative progettate e portate avanti negli anni, spesso faticano ad “arrivare! a queste persone e a coinvolgerle.

Ci siamo interrogati e abbiamo riflettuto, perché per noi conta ogni singola persona di cui ci prendiamo cura e mettere ciascuno al centro significa chiederci cosa possa aiutarlo a stare meglio, cosa possa dargli maggior benessere, cosa possa alleviare la sua condizione.

Sappiamo che se i nostri sensi non vengono stimolati, rischiamo di andare incontro ad una deprivazione sensoriale, condizione per la quale sono più a rischio proprio queste persone.

Anni fa, cogliendo l’effetto che la semplice musica aveva su una ragazza in stato di minima coscienza qui al Centro, abbiamo iniziato a proporre ascolti musicali personalizzati, cercando di osservare parametri come battito, saturazione, ecc.

Anche se ci mancava la professionalità specifica per poter fare un’osservazione puntuale, è rimasto in noi il desiderio di percorrere la strada della musica per entrare maggiormente in relazione con certi ospiti, per riuscire a “toccarli”, per fargli vivere sensazioni di benessere.

Ed è così che siamo giunti alla musicoterapia!

L’autunno scorso, in vista del Natale, abbiamo realizzato una piccola raccolta fondi che ci ha permesso di avviare un progetto sperimentale con una musicoterapeuta professionista, progetto che ha coinvolto inizialmente quattro ospiti e i loro familiari.

È stato un percorso emozionante! L’entusiasmo dei familiari è stato grande, come quello dei residenti che hanno potuto dare un feedback. Abbiamo osservato, con l’aiuto della musicoterapeuta e della sua tirocinante, le reazioni delle persone.

A giugno abbiamo coinvolto altri due ospiti in maniera sperimentale ed abbiamo anche fatto un paio di incontri di musicoterapia in gruppo.

Siamo certi di voler continuare questo percorso così prezioso per i nostri ospiti! Dopo la pausa estiva abbiamo deciso che il nostro desiderio è aumentare la frequenza da quindicinale a settimanale, e vorremmo tanto poter garantire ai nostri ospiti un 2024 di musicoterapia!

Abbiamo visto e sperimentato quanto la musicoterapia possa fare la differenza per tante delle persone che vivono al Centro San Pietro.

Aiutaci a far sì che la musica accompagni e doni benessere per il primo semestre del 2024!

Contiamo su di TE!

PUOI SOSTENERCI DONANDO SU IL DONO DELLA MUSICA (ideaginger.it) O ACQUISTANDO UN PANETTONE SOLIDALE!